Skip to content

News

Stefano Mei: Il running è stato più sfruttato che valorizzato

Cari amici e care amiche dell’atletica,

sin dalla nostra discesa in campo abbiamo sempre programmato ed affrontato la discussione di temi importanti del nostro sport, con chiarezza, attenzione, ascolto e voglia di portare il nostro contributo e la nostra attenzione su argomenti focali per un’atletica diversa.

stefano mei

Un’atletica quindi più vicina alle  necessità di tutti i tesserati ed affiliati, seguendo costantemente un nostro specifico percorso di avvicinamento alla scadenza elettorale, fatto prima di tutto di contenuti e proposte, non di nomi.
Oggi che l’atletica su pista sta provando progressivamente a ripartire, si avverte in maniera sempre più marcata la necessità di parlare invece dell’atletica “non stadia”, ovvero del mondo del running, la comunità più colpita dalle difficoltà di questo momento storico!
Un mondo importante per numero di tesserati e di manifestazioni, tant’è che solo nei primi due mesi del 2020 sono stati tantissimi gli eventi vissuti nel Paese, da Terni a Napoli, da Santa Margherita Ligure a San Felice al Circeo, da Verona a Carrara e tantissimi altri, capaci di animare le strade e le città italiane con buona parte dei circa 100.000 atleti tesserati FIDAL che partecipano abitualmente o saltuariamente a questo tipo di competizioni.
Poi lo stop che ha riguardato gare storiche come la Roma-Ostia o la Maratona di Roma, ma anche Milano, Lecco, Brescia, Lecce, Castiglione del Lago, Vigevano, Rimini, Telese, Treviso, Verbania, Chia, Oderzo, Venafro, Bibione, Lucca, Jesolo, Salerno, e così via… da nord a sud, isole comprese!
Quello del “running” si è dimostrato un sistema oliato, capillare e dall’enorme potenziale, spesso più sfruttato che valorizzato, ma che ha saputo ugualmente trovare le proprie idee ed i propri accorgimenti per riuscire ad essere efficace ed attrattivo, come dimostrano i numeri e le continue innovazioni messe in campo, persino durante il lockdown.
Grazie alla collaborazione di tanti esperti del settore che hanno creduto e credono nel nostro progetto, abbiamo individuato alcuni punti strategici e prioritari:

Runcard, tra condivisione e controllo:
dopo i primi anni di utilizzo, serve un lavoro di ascolto della base e di
analisi di questo strumento (attivazione, certificazioni medico-agonistiche,
ripartizione di responsabilità tra FIDAL, organizzatori ed atleti, ecc…);

Rappresentanza federale, una commissione che lavori ed abbia voce in Consiglio:
Serve valutare la possibilità di istituire un organo consultivo permanente,     rappresentativo dei vari format chilometrici, delle competenze e dei               riconoscimenti organizzativi, nonchè della compagine dei runners e delle     loro società, finalizzato all’interlocuzione costante e continua tra i propri       delegati ed il Consiglio Federale per scelte e strategie concrete da attuare;

Condivisione, un lavoro fatto insieme:
il running vive grazie al lavoro di migliaia di realtà organizzative, solide         ed autonome, percepito eprò come un unico grande sistema
interconnesso. La Federazione che immaginiamo dovrà interrogarsi sulle
possibili azioni di co-marketing e comunicazione condivisa con gli                   organizzatori, su percorsi legati a salute e benessere, sull’istituzione di           un’app o di un portale apposito, sul bisogno di tarare meglio le tasse
federali e su come far divenire questo settore un ulteriore stimolo per la
promozione dell’attività giovanile, condividendo per tramite dei praticanti
idee, progetti e percorsi con territori, amministrazioni e partners.

 –  Regolamenti e calendari, una regia nazionale per armonizzare:
un’importante richiesta recepita dalla base riguarda i parametri di                 catalogazione delle manifestazioni con la relativa “label”. Andranno     armonizzati i calendari (con regole più chiare ad ogni livello) ed impegnarsi per evolvere alcuni regolamenti, lavorando anche sul piano dell’interazione con il legislatore, proseguendo l’iter relativo alla partecipazione degli stranieri e la partecipazione alle competizioni anche in chiave ludico-sportiva-turistica.

– Coinvolgimento della storia del running azzurro:
l’atletica ha da sempre conquistato grandi successi dal mondo “non
stadia” e sarà importante recuperare il nome e l’immagine di grandi
imprese come quelle di Bordin, Guida, Leone, Baldini, ecc.., cui si somma
la necessità di avviare percorsi formativi nuovi e specifici.
Serve una creazione di corsi di formazione, workshop specifici e
convention sul tema; messa a sistema di competenze e conoscenze degli
organizzatori e delle realtà dedicate della EAA e della WA (competition         manager);
strumenti di promozione integrata delle manifestazioni sul territorio
nazionale ed extra-nazionale.

Vi sono tanti altri temi che meritano attenzione, lavoro e confronto per ammodernare e dare ulteriore impulso al sistema (servizi antidoping, omologazione percorsi, rapporti e competenze FIDAL-organizzatori, differenziazione di catalogazione e tassazione regionali e nazionali, ecc…), tutti argomenti su cui sarà importante continuare il processo di dialogo ed affinamento di idee e proposte, sia con gli organizzatori che con i partecipanti, accogliendo riflessioni e suggerimenti da chiunque vorrà contribuire alla costruzione di quel percorso che possa sinergizzare tutti gli ambiti dell’atletica leggera ed a far sentire davvero una Federazione vicina e di cui sentirsi orgogliosamente parte ad operatori, tesserati, affiliati ed appassionati del mondo “non stadia”.
Stefano Mei e il Direttivo di Orgoglio Del Riscatto

Scroll To Top